Tour della Turchia

testo di Pilocca

Il 26 agosto siamo giunti ad Istanbul, la più importante metropoli della Turchia, che non ha eguali. Nessun’altra città del mondo può infatti vantarsi di occupare due continenti. Istanbul viene anche definita cerniera tra l’oriente e l’occidente. E’ una città carica di storia e brulicante di vita 24 ore su 24. Di Istanbul colpisce il traffico intenso , il grande ponte Bonguaziçi sospeso tra l’Asia e l’Europa, la mastodontica chiesa di Santa Sofia, considerata l’edificio sacro più importante del cristianesimo poi trasformata in Moschea dopo la conquista ottomana. Ora la chiesa funge da museo. E’ qui che troviamo anche la più affascinante Moschea del Bosforo, universalmente conosciuta come La Moschea Blu ed è l’unica che può vantare sei minareti. E’ infatti turchese il colore dominante del tempio. Accanto alla Moschea Blu si trova l’antico Ippodromo, un tempo utilizzato per le corse dei carri e centro della vita pubblica bizantina. Non è potuta mancare una visita al palazzo di Top Kapi, labirinto di costruzioni. Il primo cortile racchiude un magnifico giardino. Sulla destra del secondo cortile, le cucine del palazzo mentre sulla sinistra l’Harem, quartiere separato delle mogli, delle concubine e dei figli del sultano. Il terzo cortile contiene la sala d’Udienza, la Biblioteca ed una esposizione di gioielle del tesoro. Il soggiorno ad Istanbul non può finire senza la tradizionale ed indimenticabile escursione sul Bosforo, le cui rive ci hanno offerto un miscuglio di passato e di presente. Dopo Istanbul siamo andati ad Ankara, la moderna capitale della Turchia, dai viali spaziosi ed è una città proiettata verso il futuro. Qui abbiamo visitato il splendido museo delle civiltà Anatoliche. Abbiamo proseguito per la Cappadocia. Dopo cena la guida locale ci ha proposto di prendere parte ad uno spettacolo di canti e danze tipiche della zona in un locale scavato nel tufo. Spettacolare è stata la danza dei Dervisci ruotanti. Questa bellissima danza controllata,compiuta quasi in “trance” da uomini con l’abito lungo e bianco e che girano su se stessi, ci ha offerto un’esperienza mistica. Giunti in Cappadocia ci siamo trovati di fronte ad un labirinto di torri, crepacci, pinnacoli e castelli rupresti. Quello che si è presentato ai nostri occhi è stato un paesaggio fiabesco. Sono degni di un libro di favole gli enormi funghi di pietra che tutti chiamano “camini delle fate”. Questo è il risultato della pazienza opera di Madre Natura, complici due vulcani assopiti dal tempo. Intere popolazioni hanno qui scavato le loro abitazioni nel tufo, ora appare ai nostri occhi un straordinario universo ruprestro. In questa zona si celano chiese rupresti e cappelle decorate con suggestivi affreschi di epoca bizantina ben conservati. Prima di giungere a Konya, ci siamo fermati per una breve sosta al Caravanserraglio di Sultanhani. Questo luogo veniva un tempo usato per la sosta delle carovane che attraversavano il deserto. Oggi molti caravanserragli si sono trasformati in strutture ricettive. E’ in una di queste che ci siamo fermati per gustare un tipico pranzo Turco. Proseguendo il viaggio verso Konya, si è effettuata una sosta al mausoleo di Mevlana, ricoperto di mattonelle verdi. Una volta giunti nell’area di Pamukkale, tanto attesa da tutti noi, ci aspettavamo di vedere un luogo spettacolare e magico, unico al mondo, in realtà siamo rimasti delusi. Mi dispiace dire, ma l’uomo è stato capace di rovinare ciò che di splendido la natura ha saputo sapientemente creare. La mancanza di acqua proveniente dalle sorgenti termali e fatta deviare nelle piscine degli alberghi, ha deturpato il “bianco castello di cotone”. E’ valsa comunque la pena di vedere un posto unico al mondo. Uno dei luoghi archeologici più interesanti che abbiamo visto in Turchia è stato Afrodisia ed Efeso. Le vacanze sono purtroppo finite!!! Per alcuni del gruppo si rientra. E’ stato fantastico e se qualcuno avesse ancora dei dubbi, il mio consiglio è quello di partire senza esitazioni. Un caloroso saluto a tutti, in particolare a Wanda, la nostra accompagnatrice e arrivederci alla prossima avventura.

Alcune fotografie

Qui puoi trovare alcune fotografie del viaggio. Per vedere tutte le fotografie ed il video utilizza l'apposito collegamento nel menu centrale.

Santa Sofia

Entrata del palazzo del sultano, IstambulMuseo delle Civiltà Anatoliche, Ankara

Cammini delle Fate, Cappadocia

Pamukkale

La biblioteca di Efeso