Crociera nel Mediterraneo occidentale

Per le vacanze invernali ho deciso di fare una crociera nel mediterraneo occidentale con partenza da Savona e primo scalo a Barcellona. Purtroppo la sosta a Barcellona dura poche ore e pertanto mi devo accontentare di una piccola gita nella zona della "rambla" e del Barri Gotic, l'antico centro storico. Ad accoglierci all'uscita del porto di Barcellona c'è un monumento a Cristoforo Colombo. Percorro la famosa via conosciuta come "la rambla" fino ad una piccola traversa nella quale si trova il palazzo realizzato da Gaudì per la famiglia Güell, oggi trasformato in museo. Purtroppo davanti all'edificio c'è una fila di persone che aspettano di poter entrare e non è più possibile acquistare i biglietti. Mi devo accontentare di una passeggiata nel centro storico e della visita della imponente cattedrale. La catedrale attuale fu costruita tra il XIII secolo ed il XV secolo in stile gotico, in sostituzione di una più antica costruzione ed è considerata una dei più importanti esempi dell'architettura gotica catalana. La facciata della Cattedrale di Barcellon risale al XIX secolo. La chiesa è dedicata a Santa Eulalia, che secondo la leggenda fu martirizzata all'età di 13 anni. Questa giovane allevava oche e in suo ricordo sono presenti 13 oche nel giardino del bellissimo chiostro.

Il secondo giorno si arriva a Valencia. Valencia è una città che in passato alternò periodi di grande splendore e di decadenza. I siti storici ed architettonici non sono molti. La città, al di fuori dalla zona del centro storico non pare particolarmente interessante, anche se ho trovato particolare il fatto che il fiume sia stato deviato negli anni cinquanta del secolo scorso a seguito di una grande alluvione e che ora il suo antico letto sia stato trasformato in un grande giardino pubblico che attravensa tutta la città. La prima cosa che visitiamo è il mercato centrale, costruzione che risale ai primi decenni del novecento, quando Valencia era una città industriale. Il mercato è una grande struttura in ferro e vetro, classica architettura dell'epoca, ed è ancora utilizzata. Poco distante si trova un'altro luogo che fu particolarmente importante per la città: la borsa della seta, altrimenti conosciuta come Lonja de la Seda, che è una struttura architettonica che esternamente appare come una fortezza medievale dove prevale lo stile gotico fiammeggiante con al centro la torre merlata; internamente, intorno ad un piccolo cortile, si sviluppano i vari ambienti tra cui spicca l'incantevole sala del mercato o delle colonne. La sontuosità della borsa della seta è riconducibile alle condizioni economiche del tempo: la costruzione risale alla seconda metà del XV secolo, cioè nel periodo di massima prosperità commerciale di Valencia.

In queste visite guidate non manca mai la visita della cattedrale, che a Valencia è di notevoli dimensioni ma non particolarmente interessante da un punto di vista architettonico. Degno di nota, sia da un punto di vista architettonico che pittorico, è l'altare maggiore, mentre in una delle cappelle laterali è conservato uno degli innumerevoli calici presenti in Spagna che sono considerati il Santo Calice.

Usciamo dal centro storico attraverso le Torres de Serranos, antico punto di accesso alla città e che oggi rappresentano la meglio conservata delle uniche due poprte soppravissute alla distruzione della cinta muraria medievale, avvenuta nel XIX secolo.

Riprendiamo l'autobus e durante il percorso si vedono alcune antiche ciminiere isolate, vestigia del passato industriale della città. Con la riduzione dell'attività industriale Valencia si è scoperta una vocazione culturale. Negli ultimi decenni sono stati costruiti varie strutture ad uso culturale, la più importante delle quali è certamente la città delle arti e delle scienze. Si tratta di un insieme di padiglioni dalle forme futuristiche quanto improbabili, inserite in uno scenario molto particolare composto da un grande specchio d'acqua e da bei giardini. All'interno di uno di questi si trova il museo delle scienze, molto interessante. Purtroppo arrivo in ritardo di qualche minuto rispetto all'orario dell'appuntamento e scopro che la guida, con l'autobus, non ci ha aspettato. Dopo un primo istante si sconforto, visto che c'è tutto il tempo, mi rendo conto che non resta altro da fare che cercare la fermata dell'autobus più vicino per tornare al porto. La linea dalla città delle arti e della scienza fino al porto è diretta e se lo avessi saputo prima avrei visitato Valencia senza l'ausiglio della guida, che peraltro si è dimostrata poco professionale abbandonando per strada quattro dei suoi turisti (in effetti dopo pochi minuti sono arrivati altri partecipanti al tour).

Il giorno seguente la Costa Mediterranea fa scalo a Palma di Maiorca. Anche tenedo conto dell'abbandono del giorno precedente ho deciso di visitare da solo la cittadina. Con la navetta mi trasferisco dal molo al centro storico. La fermata della navetta è proprio sotto il complesso composto dal castello e dalla cattedrale. Visti dal mare questi due edifici danno l'impressione di un complesso unitario, apparendo così ancora più imponenti. Dopo la visita della cattedrale risalente al XIII secolo faccio una passeggiata nel vie del centro storico. Interessante la visita degli antichi bagni arabi, una delle pochissime testimonianze della dominazione araba dell'isola. In seguito, arrivo fino ai bastioni al termine della cittadella costeggiando l'antica cinta muraria e sul percorso del ritorno mi fermo a visitare il palazzo de l'Almudaina che fu dimora dei sovrani del regno di Maiorca a partire dal XIII secolo. Ho trovato interessante la visita di questo piccolo castello che presenta una architettura con richiami moreschi. Prima di tornare alla nave,  termino la mia passeggiata nella città, fino ai bastioni sul lato opposto.

Le tappe in terra spagnola della crociera sono terminate e si fa rotta verso l'Italia, più precisamente verso la Sicilia. Per raggiungere Palermo ci vuole una intera giornata di navigazione. Ne approfitto per sfruttare alcune delle numerose attrezzature disponibili sulla nave e per riposare.

Una delle escursioni proposte dal porto di Palermo è la visita della Valle dei Templi di Agrigento, uno dei maggiori complessi archeologici del Mediterraneo. Non ho tuttavia preso in considerazione che Agrigento è distante da Palermo e ci vogliono quasi tre ore di autobus per raggiungere la destinazione. L’area archeologica, immersa in un paesaggio agricolo di rara bellezza prevalentemente costituito da ulivi centenari e mandorli, è la testimonianza più significativa della civiltà greca in Sicilia. Dell'antica polis si sono conservati i resti di alcuni templi di stile dorico che furono edificati a partire dal quinto secolo avanti Cristo. Quello meglio conservato è il così detto Tempio della Concordia, che in epoca paleocristiana fu trasformato in chiesa, e che appare quasi intatto. Nell'aera abbiamo visitato anche i resti di altri due templi parzialmente conservati.

Il giorno seguente la Costa Mediterranea fa scalo a Napoli, ultima tappa della crociera, dove ho l'opportunità di visitare gli scavi archeologici di Pompei. Purtroppo in poche ore si può vedere solo una minima parte dell'antica città romana sepolta dalla cenere nel primo secolo e riscoperta solo in epoca moderna. Oltre ad una piacevole passeggiata nelle antiche strade della città, ho avuto occasione di visitare una antica domus, le terme ed il lupanare affrescato con immagini a sfondo erotico. Purtroppo, più che la sensazione di un tuffo nel passato si ha l'impressione di visitare un cantiere per via delle onnipresenti transenne da cantiere posizionate anche dove non vi sono lavori in corso.

terminata la sosta a Napoli, la nave fa rotta per Savona dove termina la piacevole vacanza in crociera nel Mediterraneo occidentale.

Alcune fotografie

Qui puoi trovare alcune fotografie del viaggio. Per vedere tutte le fotografie utilizza l'apposito collegamento nel menu centrale.

Costa Mediterranea
Cattedrale di Barcellona
Mercato - Valencia
Borsa della seta - ValenciaCattedrale - Valenciatorre - ValenciaCittà delle arti e della scienza - ValenciaCittà delle arti e della scienza - Valencia
Palma di MaiorcaPalma di Maiorca
Valle dei Templi - AgrigentoValle dei Templi - AgrigentoPompeiPompei