I castelli delle Langhe e del Roero

Per questa gita di fine settimana ho scelto una regione del Piemonte ricca di testimonianze storiche che si trova tra le Langhe ed il Roero. Purtroppo le condizioni meteorologiche durante tutto il fine settimana non sono state ottimali: la pioggia e la scarsa visibilità hanno reso impossibile approfittare pienamente dei bei paesaggi collinosi della regione; abbiamo pertanto deciso di incentrare la visita della regione sulla visita di alcuni antichi borghi e castelli.

Il primo luogo visitato è stato il borgo di Castiglione Falletto dove abbiamo passato la notte nell'area camper. La parte antica del borgo si trova in cima ad una piccola collina ed è sovrastata dall'antico castello di notevoli dimensioni. Il castello è di forma quadrangolare e si intravvede in cima alla cinta muraria un piccolo giardino. Purtroppo il castello non è visitabile.

Terminata la visita del bel borgo di Castiglione Falletto ci dirigiamo verso uno dei luoghi simbolo di questa regione: Grinzane Cavour. Il piccolo borgo è dominato dall'imponente castello costruito nel XIII secolo. Successivamente ampliato e rimaneggiato nel XVI secolo, fu trasformato in abitazione signorile nel XIX secolo. L’inquilino più illustre del castello è stato Camillo Benso conte di Cavour la cui famiglia possedeva qui una tenuta vitivinicola. Il castello, che sorge tra i vigneti in uno scenario molto suggestivo, è ben conservato, si presenta come un imponente edificio a pianta rettangolare con un poderoso mastio, ed è abbellito da una serie di graziose torrette aggettanti. La visita del castello è stata molto piacevole.

La cittadina seguente che visitiamo è Mango. L’antico borgo del paese si sviluppa intorno al castello,  costruito nel XVII secolo dove si trovavano i ruderi di una precedente torre. Si tratta di una residenza signorile, con impianto quadrato caratterizzato da quattro torri angolari. Non è visitabile perché all'interno ospita una enoteca ed un ristorante.

Nel pomeriggio raggiungiamo il paese di Guarene. Qui si trova un castello che fu progettato dal proprietario, il quale, per costruire la struttura attuale fece radere al suolo l’antico maniero feudale munito di torri risalente al XIII secolo. Si tratta di un esempio di architettura barocca piemontese che venne concepito nel XVIII secolo come lussuosa residenza. Il proprietario e progettista del castello di Guarene era un discendente della potente famiglia Roero, da cui la regione prese il nome. Era un ingegnere che da giovane era stato allievo di Filippo Juvarra la cui influenza si può riconoscere nel progetto architettonico. Oggi il castello è stato trasformato in albergo di lusso, ma alcune stanze si possono visitare accompagnati dal personale dell'albergo. Degne di nota sono le "stanze cinesi", (con le tappezzerie provenienti dalla Cina, importate dalla Compagnia delle Indie e giunte da Londra nel 700), la stanza del vescovo e lo scalone.

La mattinata seguente è stata dedicata alla visita del borgo di Monticello d'Alba e del suo castello. Il castello fu più volte ingrandito e dotato di nuove strutture di difesa. Le ultime trasformazioni importanti della struttura risalgono al XVIII secolo e malgrado in quella occasione fosse stato trasformato in lussuosa dimora di campagna il maniero ha mantenuto il minaccioso aspetto di una fortezza. Abitato dagli attuali proprietari, il castello è comunque in parte visitabile.

Il fine settimana nelle Langhe è terminato. purtroppo le pessime condizioni meteorologiche e la stagione invernale non hanno permesso di approfittare pienamente dei bei paesaggi collinari della regione e in questo periodo alcuni castelli sono chiusi.


Alcune fotografie

Qui puoi trovare alcune fotografie del viaggio. Per vedere tutte le fotografie utilizza l'apposito collegamento nel menu centrale.

Castiglione Falletto
Castello di Grinzane Cavour
Castello di Grinzane Cavour
Castello di Mango
Castello di Guarene
Castello di Monticello d'Alba